10 LUGLIO 2024

11:58

NOTIZIA DI POLITICA

DI

429 visualizzazioni


10 LUGLIO 2024 - 11:58


NOTIZIA DI POLITICA

DI

429 visualizzazioni



BOLOGNA: G7 Scienza e Tecnologia, Bernini, “grande opportunità per tutta la regione” | FOTO

Al via al Tecnopolo di Bologna il G7 presieduto dal ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, originaria proprio del capoluogo. “In questi giorni i grandi della terra concentreranno le loro attenzioni su di noi, è una enorme opportunità” ha detto Bernini in apertura dei lavori, con eventi in programma anche a Forlì fino a domani

“Bologna per me è casa, l'Emilia-Romagna è casa, la mia è stata una scelta sciente: noi stiamo investendo moltissimo sul Tecnopolo di Bologna, che si regge grazie ai fondi del ministero, in particolare il supercomputer Leonardo e la meteorologia. E che continuerà a reggersi grazie a gare europee che noi stiamo stimolando e cofinanziando. Quindi è stata una scelta consapevole: mi sembra che l'amministrazione lo abbia compreso. Ringraziamo per l'ospitalità ma ricordiamo che questa è una grande, enorme, immensa opportunità per questa città e per questa regione. I grandi della terra per tre giorni concentreranno le loro attenzioni su di noi e noi dobbiamo essere in grado di produrre in maniera proficua dei risultati che siano permanenti”. Al via al Tecnopolo di Bologna il G7 Scienza e Tecnologia presieduto dal ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, la cui soddisfazione ed orgoglio per aver portato proprio nella sua città e nella sua Emilia-Romagna un vertice così importante, sta tutta in queste parole. Diversi i temi al centro della riunione ministeriale del gruppo dei sette: dalla sicurezza della ricerca, alle tecnologie emergenti, dalle infrastrutture scientifiche alla protezione dei mari e delle biodiversità, fino alla collaborazione con i Paesi africani e, soprattutto, al tema dell'intelligenza artificiale. “Noi dobbiamo gestire, governare il fenomeno e non subirlo -continua Bernini-. Questo è il senso del G7 Bologna 2024”. In programma, fino a giovedì, momento della stesura della dichiarazione finale del G7, eventi non solo nella città sede del supercomputer Leonardo e con l'università più antica d'Italia, sottolinea Bernini, ma anche a Forlì. “Perché è parte di un importante percorso formativo, abbiamo un nuovo corso di ingegneria navale, uno dei pochi in Italia -conclude il ministro- e perché sta rinascendo dall'alluvione e noi vogliamo portare i grandi della terra per far vedere loro quanto sono bravi gli emiliano-romagnoli a risollevare sé stessi e la loro grande regione”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

RAVENNA: Elezioni regionali, De Pascale al lavoro per il campo largo | VIDEO

Dopo l’investitura ufficiale il sindaco di Ravenna Michele de Pascale è ora al lavoro per comporre la coalizione da presentare alle elezioni per il nuovo presidente della regione. Un quadro ampio, che comprenda tutte le forze politiche del centrosinistra ma che abbia anche una grande impronta civica. In altre parole: via libera al campo largo. Così Michele de Pascale nel descrivere la coalizione con la quale si presenterà alle elezioni per la presidenza della regione Emilia-Romagna.  Il sindaco di Ravenna, dopo aver ricevuto l’investitura ufficiale dal Partito Democratico, ha iniziato questa settimana pianificando i primi incontri con le altre forze politiche, ricalcando quelle larghe intese con cui governa già nella sua città. “Uno dei primi incontri che faremo è con il gruppo Verdi Sinistra – spiega De Pascale - ma vogliamo lavorare anche con tante altre forze come Movimento Cinque Stelle, Azione e Italia viva. C’è già un rapporto consolidato in consiglio comunale quindi sono abbastanza fiducioso che possa continuare anche in Regione” Spetta ora a Irene Priolo, subentrata a Bonaccini, stabilire la data delle elezioni. Da una parte, spiega De Pascale, non si può attendere troppo, dall’altra bisogna dare il tempo ai cittadini di capire cosa succede e valutare le diverse proposte: “Bisogna trovare il giusto equilibrio. Si parla del mese di novembre e mi sembra corretto. Il mio obiettivo in questo momento è quello di andare il prima possibile nei territori dell'Emilia a farmi conoscere, a conoscere e ad ascoltare, perché con grande umiltà so bene di conoscere molto bene la Romagna, il mio territorio, e dover recuperare invece conoscenza di una parte altrettanto importante della Regione”