18 SETTEMBRE 2023

11:41

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1114 visualizzazioni


18 SETTEMBRE 2023 - 11:41


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1114 visualizzazioni



ROMAGNA: Problemi a Tredozio, la sindaca, "è situazione emergenziale" | VIDEO

A Tredozio, comune dell’Appennino forlivese, si sono verificate varie criticità dopo il terremoto delle 5.10 con epicentro a Marradi: risulta inagibile il municipio per la presenza di crepe e “solo dopo i sopralluoghi tecnici – viene reso noto -  si deciderà la riapertura”. Il Comune ha segnalato che molte strutture sono danneggiate e che, in via precauzionale, si sta evacuando una porzione di una casa di riposo per anziani. Al Palasport di Tredozio sono state allestite 100 brandine per chi vorrà passare la giornata e la notte fuori casa, in via precauzionale. Sempre a Tredozio si sta attivando una cucina, che sarà a disposizione per ogni necessità.

A Portico e San Benedetto, sempre nel Forlivese, due palazzine sono state evacuate, altre tre a Rocca San Casciano. Al momento sono già in azione sei squadre di tecnici, due in provincia di Ravenna e quattro nel territorio del forlivese-cesenate. L’Agenzia regionale di Sicurezza territoriale e Protezione civile dell’Emilia-Romagna “ha svolto immediatamente il proprio compito, in raccordo con le Prefetture, e preso contatto con i Comuni, i gestori dei servizi pubblici, delle strade e delle ferrovie per la verifica della situazione”. Il volontariato di Protezione civile è stato attivato in provincia di Forlì-Cesena.

“Il sistema regionale di Protezione civile si è subito attivato", spiega Irene Priolo, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna con delega alla Protezione civile. "Insieme alle strutture territoriali, proseguiranno tutto il giorno le verifiche con i tecnici incaricati. Al momento non risultano danni significativi a persone o cose. Insieme al presidente Bonaccini, siamo in costante contatto con tutti i sindaci dei comuni più vicini all’epicentro che in alcuni casi, in via precauzionale, hanno chiuso le scuole”.

“La situazione è emergenziale: non siamo riusciti ancora a verificare tutti gli immobili, sia pubblici che privati, che hanno ricevuto dei danni i quali purtroppo sono molto numerosi", dichiara la sindaca di Tredozio, Simona Vietina. "Abbiamo reso inagibile il palazzo comunale e anche porzione della casa di riposo con il trasferimento di alcuni anziani dalla struttura più vecchia verso la struttura nuova”.

Al momento, conferma la prima cittadina, “le persone sono tutte fuori casa” e le verifiche alle scuole, che oggi sono chiuse, “non hanno ancora dato esito”. Il terremoto, aggiunge Vietina, “è stato veramente impressionante: tutte le vetrine si sono aperte, sono caduti bicchieri, vasi. Anche casa mia è piena di vetri”. Non si segnalano feriti.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

RIMINI: Ricercatore 42enne morto, per l'autopsia è morte naturale

Morte per cause naturali. A questa conclusione è giunto il medico legale incaricato dalla Procura della Repubblica di Rimini dell'autopsia sulla salma di Daniele Di Marino, il professore di biologia molecolare di 42 anni, originario di Roma ma residente a Como, morto sabato sera sul lungomare di Bellaria Igea Marina dopo una serata in un locale sulla spiaggia. La Procura riminese ha aperto un fascicolo contro ignoti e per ora nulla fa supporre che Di Marino sia morto per un qualche atto violento. Non c'erano segni di colluttazione né di ematomi o colpi in testa ricevuti. Quale sia la causa naturale che ha stroncato la vita al giovane professore non è ancora chiaro. Anche la famiglia di Di Marino ha seguito l'autopsia attraverso il consulente di medicina legale. Dalla Procura è arrivato il nulla osta per la restituzione alla famiglia della salma. L'approfondimento da parte della Procura era partito come atto dovuto in seguito alla segnalazione della moglie che si trovava con il professore al momento del malore fatale. Stando alla donna, incinta all'ottavo mese, il marito si era sentito male subito dopo essere uscito dal locale intorno alle 23.30. Sul posto erano intervenuti i carabinieri di Bellaria Igea Marina e il 118 che aveva provato a rianimare il professore per 50 minuti. Il referto del medico del 118 era stato che la morte poteva anche essere compatibile con cause violente. Stando a quanto riferito dalla moglie, Di Marino nel locale aveva ballato, "pogando". Ma l'autopsia ha escluso la morte conseguente ad un trauma.