Cesena

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Autostrade avvia i lavori alle barriere sulla rete

EMILIA-ROMAGNA: Autostrade avvia i lavori alle barriere sulla rete

Dal 15 luglio Autostrade per l'Italia avvia il riammodernamento delle barriere di sicurezza sulla rete dell'Emilia-Romagna, per un totale di oltre 100 chilometri di interventi. Questa prima fase riguarda circa 15mila metri lineari di barriere che interesseranno lo svincolo di Bologna San Lazzaro sulla A14 Bologna-Taranto e la D23 Diramazione per Ferrara, che saranno sostituite con tipologie in linea con le più recenti normative tecniche di settore. In questa prima fase dei lavori sarà chiusa fino al prossimo 6 settembre, sulla A14 Bologna-Taranto, la rampa dello svincolo in uscita di Bologna San Lazzaro, per chi proviene da Bologna/Padova/Milano. L'avvio dei lavori, spiega Autostrade, è fissato nel mese di luglio e saranno eseguiti in concomitanza dell'esodo estivo, periodo di minore traffico per la stazione di San Lazzaro, caratterizzata in buona parte da transiti legati ai flussi pendolari. Le attività saranno eseguite 24h/24h, 7 giorni su 7 e saranno ultimate prima della riapertura delle scuole nel prossimo mese di settembre. In alternativa per chi proviene da Bologna si consiglia di uscire alla stazione di Bologna Arcoveggio, sulla A13 Bologna-Padova e percorrere la Tangenziale di Bologna in direzione San Lazzaro. (ANSA).

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Regionali, in campo Elena Ugolini, "cantiere per programma"

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, in campo Elena Ugolini, "cantiere per programma"

“Un cantiere per scrivere insieme il programma, per governare il futuro dell’Emilia Romagna. Un cantiere che metta al centro le persone, le relazioni, le comunità e le opere a cui esse danno vita. Un cantiere che abbia alla base un radicale cambio di metodo: coinvolgere le migliori competenze diffuse sul territorio per stabilire le nuove priorità di governo”. E’ questo “Officina Emilia-Romagna 2030”, il piano di lavoro annunciato oggi da Elena Ugolini, candidata civica alla guida della Regione. “In Emilia-Romagna serve un cambio di passo: è il momento di riavvicinare tutti all’impegno per il bene comune. Per risolvere i problemi non bastano le regole, dobbiamo andare oltre il dirigismo che ha condizionato la crescita di questi anni. E liberare la forza di un territorio meraviglioso”. “Possiamo farlo – spiega Ugolini -, iniziando a coinvolgere attivamente chi, pur volendo mettere le proprie competenze al servizio della comunità, non ne ha avuto l'opportunità a causa di una politica che negli ultimi 50 anni è stata impegnata più a conservare il potere e il consenso elettorale che a governare nell'interesse del bene comune”. “Vogliamo coinvolgere tutti - approfondisce - : imprenditori, esperti di pubblica amministrazione, professionisti, membri di associazioni, studenti e cittadini curiosi. E lo vogliamo fare seguendo il modello della co-progettazione, come previsto dalla nostra Costituzione e ribadito in una sentenza della Corte Costituzionale nel 2020. Per co-creare, attraverso un metodo collaborativo e contributivo, con soluzioni comunitarie orientate ad un interesse generale. In un dialogo fra pari. Tutti coinvolti in un'unica grande 'Officina Futuro, Emilia-Romagna 2030’”. “La nostra Regione – spiega Ugolini - è ricca di creatività, talenti ed energie: è ora di metterle in campo per una proposta nuova, partecipata, che faccia del bene della comunità il proprio obiettivo principale. È giunto il momento per l’Emilia-Romagna di avviare un percorso verso un modo di fare politica orientato al futuro, capace di rispondere alle reali esigenze delle persone. Questo sarà il metodo, ma voglio dire anche una cosa sulla nostra visione”. “Al centro della nostra azione – rimarca Ugolini - non ci sono le carriere politiche, le correnti, le procedure, le burocrazie, ma le persone, le famiglie e le relazioni, le espressioni sociali, civili ed economiche frutto della loro libertà, delle loro aspirazioni e della loro umanità. È un punto di visto che desidera cambiare il modo di gestire la cosa pubblica. La proposta condivisa coinvolgerà i principali temi di cui si occupa la Regione: welfare famiglia e terzo settore, lavoro educazione e formazione, sanità, ambiente casa e turismo”. “Già dalle prossime settimane – annuncia Ugolini -, organizzeremo incontri e momenti di confronto in tutto il nostro territorio. Nel frattempo, per contribuire con spunti e idee, sarà possibile inviare una email all'indirizzo: elenaugolinipresidente@gmail.com. Sarà un percorso da realizzare giorno dopo giorno, ma è nostro dovere coinvolgere tante persone per costruire una Regione che sia davvero di tutti”.


TUTTE LE NOTIZIE DI CESENA