19 GIUGNO 2024

15:54

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

643 visualizzazioni


19 GIUGNO 2024 - 15:54


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

643 visualizzazioni



RIMINI: Tour de France, stimato indotto di 10 milioni

Manca poco più di una settimana alla prima tappa del Tour de France ed è tutto pronto a Rimini dove sarà allestito il traguardo. L’indotto dell’evento stimato per la città è di 10 milioni di euro, e volano verso il tutto esaurito gli hotel.

 

Mancano pochi giorni al 29 giugno, giornata storica per l’Emilia-Romagna e per Rimini, città in cui taglieranno il traguardo della prima tappa i corridori del Tour de France. In un’inedita sequenza di tappe oltre confine, il terzo evento sportivo più seguito al mondo dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio sarà un volano per l’economia.

“Dovrà essere un grande giorno di festa, perché Rimini sarà proiettata su oltre 200 televisioni in tutto il mondo. Perché questo evento è uno dei più seguiti in assoluto a livello planetario”, ha sottolineato a margine di una conferenza stampa il sindaco Jamil Sadegholvaad.

In regione si stimano 150 mila presenze dovute al Tour, un indotto da 29 milioni di euro di cui 10 nella sola Rimini dove l’occupazione delle camere per tutto il weekend vola già al 92%, secondo Federalberghi.

“Un indotto milionario, si stima tra gli 8 e i 10 milioni di euro. Ma quello che conta di più, oltre all'indotto immediato, è il fatto che la nostra Rimini, con le riprese dagli elicotteri, verrà proiettata in tutto il mondo e sarà una straordinaria vetrina per fare in modo che la nostra terra venga conosciuta sempre di più anche in chiave ciclistica”, ha aggiunto il primo cittadino.

Imponenti le misure di sicurezza. 120 gli agenti della polizia municipale in campo per regolare il traffico. Limitazioni alla viabilità ci saranno già a partire da mercoledì prossimo, mentre il consiglio per il 29 è di muoversi in città a piedi o in bicicletta. Il casello autostradale di Rimini Sud verrà chiuso per alcune ore.

 

Ecco le indicazioni sul traffico (possibili variazioni nei prossimi giorni): 

Le aree soggette a modifiche alla viabilità

I divieti di sosta e di circolazione riguarderanno in particolare le vie che saranno percorse dalla carovana gialla e dalla gara, nonché le strade e i parcheggi che ospiteranno i mezzi della carovana e il villaggio del Tour. Previste modifiche anche per il trasporto pubblico. L’invito generale è quello di muoversi a piedi o in bici il 29 giugno nelle aree della città maggiormente coinvolte nell’evento, per entrare nello spirito del Tour e non correre il rischio di essere coinvolti nei probabili rallentamenti alla viabilità.

Negli ultimi 3 km del percorso (ovvero, dalla rotatoria Flaminia/Settembrini all’arrivo), sarà installata una transennatura continua su entrambi i lati del percorso, al di fuori della quale i tifosi potranno vedere sfrecciare i campioni del ciclismo internazionale.

 

A partire dal 26 giugno, il parcheggio di via Chiabrera non sarà più fruibile in quanto riservato ai mezzi tecnici dell’organizzazione. Per consentire l’arrivo e il posizionamento dei tir, sempre il 26 giugno, dalle ore 19,00 alle ore 01,00, sarà chiusa la via Chiabrera, solamente nella direzione monte-mare.

Dal 26 al 29 giugno, sarà chiuso il Lungomare Di Vittorio, nel tratto da via La città delle donne a via Intervista, per consentire l’allestimento delle strutture dedicate all’arrivo. La restante parte di Lungomare fino a piazzale Benedetto Croce sarà chiusa dalle ore 20,00 di venerdì 28 giugno alle ore 22,00 di sabato 29 giugno. Stante la chiusura del Lungomare Di Vittorio, sarà istituito il doppio senso di circolazione su viale Regina Elena, nel tratto tra piazzale Gondar e piazzale Benedetto Croce.

Piazzale Fellini, area dedicata alla sosta dei mezzi della carovana pubblicitaria, sarà chiuso al traffico sabato 29 giugno, dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

Il mercato settimanale di Bellariva (attualmente spostato sul Lungomare Di Vittorio) giovedì 27 giugno non verrà effettuato per consentire gli allestimenti.

 

Nello specifico la chiusura delle strade con posizionamento dei divieti di sosta e interdizione alla circolazione (ad esclusione dei servizi di emergenza) riguarda:

-mercoledì 26/06/2024: chiusura al traffico di Via Gabriello Chiabrera (2 corsie lato Riccione), dalle ore 19:00 alle ore 1:00;

-da mercoledì 26/06 ore 12:00 a sabato 29/06 ore 22:00 il parcheggio Chiabrera non sarà più fruibile in quanto riservato ai mezzi tecnici dell’organizzazione

-da mercoledì 26/06 ore 18:00 a sabato 29/06 ore 22:00: chiusura del Lungomare Giuseppe Di Vittorio, tratto tra Via La Città delle Donne e Via Intervista;

-da venerdì 28 giugno alle ore 20:00 fino alle ore 22:00 di sabato 29 giugno chiuso (intero viale): Lungomare Giuseppe di Vittorio;

-sabato 29/06: chiusura viale Regina Elena (da via Firenze a piazzale Gondar), viale Firenze, via Chiabrera, dalle ore 04:00 limitatamente al tempo necessario al posizionamento della transennatura del percorso di gara; la successiva chiusura definitiva sarà dalle ore 14:00;

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura via Block Notes di un Regista;

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura via Minguzzi (tra via Porto Palos e via Caprara);

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura primi due blocchi del parcheggio Medaglie d’Oro.

-sabato 29/06: chiusura rotonda del Grand Hotel Rimini, dalle ore 10:00 alle ore 18:00

-sabato 29/06: chiusura viale Beccadelli, dalle ore 10:00 alle ore 18:00

 

Le aree non disponibili in quanto riservate all’organizzazione e alle squadre sono:

  • P.le Fellini
  • P.le Medagle D'Oro
  • V.le Minguzzi
  • Via Ginger e Fred 
  • Via Block Notes di un Regista

 

Attraversamenti del percorso

Negli ultimi 2 km del percorso, essendo zona abitata e ad alta presenza turistica, saranno istituiti 3 varchi nella transennatura (in quest’ultimo tratto, come detto, continua) che verranno presidiati dal personale dell’organizzazione per consentire il transito dei pedoni. Questi varchi saranno chiusi 15 minuti prima del passaggio della Carovana, poi successivamente riaperti e successivamente nuovamente chiusi 15 minuti prima del passaggio della gara. I varchi sono posti:

- Viale Firenze, 10 m prima di Viale Regina Elena (ovvero 1,3 km prima dell'arrivo)

- Piazzale Gondar (850 m prima dell'arrivo)

- Lungomare Giuseppe Di Vittorio, nei pressi di Via La Voce della Luna. L’organizzazione garantirà questo punto di attraversamento circa 315 m prima dell'arrivo.

 

Al fine di consentire l’attraversamento della Superstrada di San Marino che sarà parte del percorso di gara, sono stati previsti due punti di attraversamento presidiati dagli operatori di polizia:

-intersezione SS 72/via Amola/via Montevecchio;

-intersezione SS 72/via La Pastora/SP 49.

 

Percorsi alternativi

 

DIREZIONE NORD, per chi percorre la SS 16 (via Flaminia), provenendo da Riccione

 

Sulla via Flaminia, alla rotatoria dei Vigili del Fuoco, sarà istituita una deviazione su via Varisco dove, attraverso il percorso via Macanno-via Acquabona, si potrà raggiungere la via Coriano. Percorrendola in direzione di Rimini, si raggiungerà via Rodriguez dove, attraverso il sottopasso, si potrà bypassare il percorso di gara e, una volta rientrati sulla SS 16 ci si potrà dirigere in direzione nord.

 

Per l’occasione, grazie alla disponibilità della Direzione del Gros, saranno mantenuti aperti gli accessi con la possibilità di utilizzare anche i percorsi interni per raggiungere la via Coriano.

 

DIREZIONE SUD, per chi proviene da SS9/SS16

 

Alla rotatoria con via della Fiera/via della Grotta Rossa, dirigersi verso via della Fiera dove, percorrendo via Flaminia in direzione sud, si raggiunge il sottopasso di via Rodriguez per bypassare il percorso di gara e riprendere, in senso inverso, il percorso di cui sopra (via Coriano-via Acquabona/via Macanno (oppure GROS)-via Varisco-Rotatoria VVF-SS16.

 

DIREZIONE NORD, per chi percorre viale Regina Margherita con direzione Marina Centro.

 

Il traffico veicolare sarà deviato su viale Portofino e viale Siracusa per consentire di raggiungere, tramite la via Rosmini, la SS 16.

 

DIREZIONE SUD, per chi proviene da Marina Centro

 

Per coloro che provengono da Marina Centro e hanno esigenza di dirigersi in direzione sud, potranno svoltare su viale Tripoli in direzione monte, su via Alessandro Manzoni (per poi raggiungere, tramite il sottopasso presente, il viale Pascoli in direzione monte) nonché, finché l’affluenza di pubblico lo consentirà, viale Firenze e via Chiabrera fino alla rotatoria “Rita Levi Montalcini” dove saranno indirizzati su viale Settembrini in direzione di via G.M. Giuliani e via Fada.

 

In ogni caso, i mezzi di maggiori dimensioni, stante le limitate dimensioni del sottopasso di via Manzoni, dovranno utilizzare quest’ultimo percorso.

 

DIREZIONE SAN MARINO, per chi proviene da nord

 

La Superstrada di San Marino sarà comunque percorribile nella sola direzione mare-monte.

Ulteriore percorso alternativo suggerito è quello per via Covignano e via Santa Cristina.

 

DIREZIONE SAN MARINO, per chi proviene da sud

 

Si consiglia di utilizzare la via Santa Maria in Cerreto, tenendo comunque presente che la Superstrada di San Marino (da Rimini fino al confine con Dogana) è percorso di gara.

 

Informazioni utili

Il percorso di gara sarà chiuso a partire dalle ore 14,00 di sabato 29 giugno.

Considerate le dimensioni dell’evento e la notevole affluenza di pubblico, la Polizia locale suggerisce, ove possibile, di anticipare eventuali partenze e spostamenti nella mattinata di sabato 29 giugno, essendo prevedibile che durante l’intero pomeriggio, anche per l’arrivo di un elevato numero di spettatori, potranno registrarsi maggiori criticità sulla viabilità.

Inoltre, per gli spostamenti sud-nord e nord-sud, nella giornata di sabato 29 giugno è altamente consigliato utilizzare la tratta autostradale Rimini Nord-Riccione.

Sul canale speciale sul sito del Comune di Rimini https://www.comune.rimini.it/tour-de-france-2024 si possono trovare le informazioni utili, la mappa navigabile del percorso del tour e dei percorsi alternativi, foto e video.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

EMILIA-ROMAGNA: Suicidi in carcere, in aumento rispetto al 2023 | VIDEO

Il nuovo Codice ristretto, la guida in versione aggiornata ai diritti delle persone detenute, sarà distribuito in tutte le carceri dell'Emilia-Romagna la mattina di giovedì 18 luglio. Delegazioni composte da amministratori locali, garanti, rappresentanti delle confessioni religiose ed esponenti delle camere penali entreranno nelle strutture carcerarie di Bologna, Reggio Emilia, Parma, Modena, Piacenza, Ferrara, Ravenna e Rimini per consegnare la guida ai detenuti. A Bologna, la delegazione in visita al carcere della Dozza vede la presenza dell'arcivescovo di Bologna e presidente della Cei Matteo Zuppi e del presidente dell’Ucoii Yassine Lafram insieme con il garante regionale Roberto Cavalieri, l’assessore regionale Igor Taruffi, le consigliere regionali Silvia Zamboni e Silvia Piccinini, e il garante di Bologna Antonio Ianniello, oltre a Stefania Pettinacci, Chiara Rizzo, Luca Sebastiani, Milena Micele, Carlo Machirelli, Rosa Ugolini e Antonella Minutiello della Camera penale. Mentre a Rimini la delegazione è composta dalla presidente dell’Assemblea legislativa regionale Emma Petitti, dalla consigliera regionale Nadia Rossi, dal vescovo Nicolò Anselmi accompagnato da Viola Carando della Caritas, dall’Imam Mauro Ballabio e dal garante locale Giorgio Galavotti, oltre che da Annalisa Calvano, Susanna Megna e Martina Montanari della Camera penale. L’iniziativa, organizzata dal garante regionale dei detenuti e dalla Camera penale di Bologna con il sostegno della commissione per la Parità e i diritti delle persone dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, è stata illustrata oggi a Bologna dal garante regionale dei detenuti Roberto Cavalieri nel corso di una conferenza stampa nella quale sono intervenuti anche Federico Amico, presidente della commissione Parità e diritti, nonché Stefania Pettinacci e Chiara Rizzo dell'Osservatorio carcere della Camera penale di Bologna. Alla conferenza stampa erano presenti anche la vicepresidente dell'Assemblea legislativa Silvia Zamboni e la presidente della commissione assembleare Statuto Silvia Piccinini. “Il codice ristretto – spiega il garante Cavalieri – è una guida sui diritti, di facile lettura, per sostenere il detenuto nella comprensione delle modalità di accesso ai benefici penitenziari. Con la distribuzione di questo vademecum a tutti i detenuti presenti in Emilia-Romagna vogliamo sostenere la cultura dei benefici penitenziari e delle misure alternative alla detenzione”. Abbiamo pensato, aggiunge, “a un glossario che racchiuda tutte quelle che sono le possibilità che un detenuto ha rispetto al carcere, a partire dalle cosiddette misure alternative ma anche rispetto alle differenti tipologie di permessi e al lavoro esterno, con una parte dedicata a chi ha problemi collegati alle dipendenze”. Cavalieri affronta poi il tema del sovraffollamento nelle carceri: “In Emilia-Romagna siamo arrivati ad avere 3.700 persone recluse contro i 2.900 posti regolamentari, per questo è necessario l’impegno di tutti, non solo dell’amministrazione penitenziaria, per cercare di portare soluzioni al problema del carcere, a partire dalla valorizzazione delle reti territoriali che si occupano dei percorsi all’esterno rivolti ai detenuti”. Il codice ristretto nella versione aggiornata - conclude il garante regionale dei detenuti - "viene redatto anche in lingua araba e viene integrato con una nuova sezione in cui il detenuto può inserire dati sulla sua situazione carceraria". “La possibilità di scontare la pena lontani dal carcere – evidenzia quindi il presidente della commissione Parità dell'Assemblea legislativa, Federico Amico – è di gran lunga più efficace: fino a quando non cambieranno le condizioni generali che consentono di attuare le misure alternative alla detenzione, quelle dirette a realizzare la funzione rieducativa della pena, anche il problema del sovraffollamento rimarrà irrisolto. Questo anche se si costruissero nuove strutture di reclusione”. “Altrettanto cruciale – aggiunge – è il tema dei detenuti non residenti in regione. Per programmare l’esecuzione delle pene alternative, che preparino a un reinserimento virtuoso, è importante creare le condizioni per ridurre il numero di detenuti che scontano la pena in una regione diversa da quella di residenza. Gli ultimi provvedimenti allo studio del governo nazionale fingono di andare in questa direzione, ma non offrono vere opportunità alle persone detenute, questo perché non viene contemplata la presa in carico del sistema sociale che, come di consueto, è demandata ai soli Comuni nella completa solitudine”. Nelle dieci strutture carcerarie della regione Emilia-Romagna (dati aggiornati al 30 giugno 2024) sono presenti 3.725 detenuti (per una capienza regolamentare di 2.979 posti), di cui 167 donne, mentre in 1.826 sono stranieri. Il problema del sovraffollamento è associato a un aumento sia della diffusione di patologie psichiche e malattie infettive e virali, come ad esempio la tubercolosi, sia di fenomeni di violenza e suicidi. Nel 2024 in Italia ci sono già stati 56 suicidi in carcere, l’ultimo questa notte nella casa circondariale di Venezia. Sul vademecum, per l’Osservatorio carcere della Camera penale di Bologna, Stefania Pettinacci e Chiara Rizzo evidenziano: “È con soddisfazione che presentiamo questa nuova pubblicazione, uno strumento di agile comprensione nella complessa materia dell’ordinamento penitenziario. Spesso le persone detenute si orientano a fatica: le misure alternative alla detenzione, come pure l’accesso ai permessi, presuppongono titoli di reato, entità delle pene inflitte, residuo di pena ancora da scontare e condizioni soggettive molto diversi tra di loro. Avere contezza da subito di quali prospettive possono accompagnare il periodo di detenzione aiuta chi è detenuto a elaborare, laddove è possibile, un progetto e comunque ad affrontare questa fase con chiarezza. Un’informazione preliminare corretta può essere un contributo anche per il lavoro degli operatori interni ed esterni al carcere, chiamati a dare risposte a chi comunque ha diritto a un efficace trattamento penitenziario. Le misure alternative alla detenzione sono provvedimenti restrittivi della libertà personale e incidono sulla fase esecutiva della pena. La loro funzione è quella di dare concretezza all’aspetto della rieducazione”.