17 APRILE 2024

13:26

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

556 visualizzazioni


17 APRILE 2024 - 13:26


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

556 visualizzazioni



BOLOGNA: Nuovo importante incarico a Roma per il procuratore Amato

Via libera del plenum del Csm alla nomina di Giuseppe Amato alla guida della procura generale di Roma. Il plenum, questa mattina, ha approvato (con una sola astensione) la delibera di nomina proposta dalla Quinta Commissione.
Amato, fino ad oggi capo della procura di Bologna, è entrato in magistratura nel 1985: ha sempre svolto funzioni di pm (al di là di periodi passati alla Corte costituzionale come assistente di studio e al Csm come componente dell'ufficio studi) prima a Massa, poi a Roma. Nel 2007 è stato nominato procuratore a Pinerolo e poi, nel 2012, a Trento, fino all'incarico direttivo svolto a Bologna dal 2016 a oggi.

Nel periodo passato nella Capitale, si è occupato di reati contro la P.a. e, dal 2006 al 2007, ha fatto parte della Dda, occupandosi principalmente di procedimenti sul traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio.


Quanto agli anni bolognesi, "l’impegno profuso presso la Dda di Bologna - si legge nella delibera approvata dal plenum - è stato parimenti intenso, anche alla luce della necessità del coordinamento con altre procure. Numerosi sono stati i procedimenti trattati in tale arco temporale e tra questi si segnala il processo Aemilia, relativo al fenomeno di infiltrazione della ‘ndrangheta nelle province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Piacenza con 250 imputati, il processo Aemilia bis, il processo Aemilia 92, e il processo Grimilde. Ulteriori procedimenti hanno avuto ad oggetto le infiltrazioni della ‘ndrangheta nel nord Italia, il contrasto alla camorra, il narcotraffico, anche internazionale, il contrasto alle associazioni di stampo mafioso non italiane, l’accertamento di plurimi reati collegati come il traffico illecito di rifiuti".




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: L’ex Fico cambia volto, dal 5 settembre arriva Grand Tour Italia | VIDEO

Sorgerà a Bologna Grand Tour Italia, un nuovo progetto dedicato al cibo: un percorso di 50mila metri quadrati, nella ex sede di Fico, dove i turisti avranno l’opportunità di gustare tutti i cibi della tradizione italiana, all’insegna della biodiversità. Fico cambia volto: l’ex parco di Bologna dedicato al cibo apre i battenti sotto un’altra veste, Grand Tour Italia. Il progetto, che aprirà al pubblico il 5 settembre, vedrà uno spazio dedicato per ogni singola regione italiana: un viaggio nella biodiversità attraverso cibo, arte, tradizioni e intrattenimento. Un cambio radicale voluto dall’imprenditore Oscar Farinetti, per rilanciare l’area e tutelare i lavoratori. Fiducia nel progetto anche da parte di Bologna Welcome e dal CAAB, con l’obiettivo di attrarre ancora più turisti in città. "Grand Tour Italia è molto più di una semplice destinazione turistica," afferma il Fondatore Oscar Farinetti "È un omaggio alla straordinaria diversità e ricchezza culturale del nostro Paese, un invito a esplorare, gustare e vivere l'Italia in tutto il suo splendore. Un percorso di 50.000 metri quadrati che offre ai visitatori l'opportunità di gustare l'Italia come mai prima d'ora. " “Per il Centro AgroAlimentare di Bologna l’iniziativa presentata oggi è importante in primis perché propone un progetto imprenditoriale credibile per valorizzare asset pubblici strategici quali sono le aree CAAB dove sorge Grand Tour Italia. Auspichiamo che la collaborazione tra CAAB e Grand Tour Italia possa esprimere una sinergia per la promozione per le filiere dell’ortofrutta e del fresco che fanno capo al Centro. A partire da Grand Tour Italia e dai suoi attori, lavoreremo a un’alleanza per la buona alimentazione, che promuova la cultura del cibo e la consapevolezza di cittadini e consumatori sul valore del cibo fresco e sull’importanza dell’alimentazione per la salute. Ciò che chiediamo a Grand Tour Italia non è un rapporto di buon vicinato, ma una vera partnership strategica sull’alimentare, una responsabilità condivisa su questi temi” afferma Marco Marcatili, Presidente di CAAB. L'enogastronomia, per la quale il nostro Paese è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, è un asset fondamentale per il turismo" afferma Daniele Ravaglia, Presidente di Fondazione Bologna Welcome "Questo è particolarmente vero per Bologna, con i suoi prodotti d'eccellenza e una tradizione culinaria che risale al Medioevo e che unisce tutto il territorio, dall'Appennino alla Pianura, dal capoluogo all'Imolese. Qui il cibo è da sempre cultura, identità, convivialità, un vero e proprio patrimonio culturale da preservare e divulgare, fra tradizione e innovazione. Siamo certi che una proposta di alta qualità come quella di Grand Tour Italia, che celebra la ricchezza e la varietà della cucina italiana, non potrà che dare lustro alla città, contribuendo ad aumentare ulteriormente l'attrattività della destinazione".